MARTA

Sono cresciuta in una splendida famiglia, tra l’affetto di un padre buono ed aperto, una madre giusta e positiva e una sorella amabile e affettuosa.

Poi sono moglie e madre: ho avuto la fortuna di costruire anch’io una grande e radiosa famiglia, la gioia più grande della mia vita.

Sono anche una lavoratrice: ho lavorato per anni come programmatore, docente di informatica presso alcune aziende, oggi tecnico informatico presso una scuola pubblica della mia città.

Infine scrivo. Mi piace scrivere per me stessa e per divertire i miei cari.

E il racconto?
“Come tre sorelle – sostanze stupefacenti” è nato nel 2003.
In quel periodo militavo felicemente presso la Croce Rossa di Bergamo; per operare al meglio, affiancavo la preparazione tecnica obbligatoria ad un aggiornamento teorico personale ed approfondito.
Lo studio delle sostanze stupefacenti, che spesso vedevo mietere vittime nei vari servizi in ambulanza, ha stimolato in me un’attenta riflessione anche riferita al ruolo di madre che, da lì a breve, avrebbe dovuto far conoscere questa triste realtà alle figlie.
E’ nata così l’idea di scrivere un racconto per introdurre l’argomento ed invogliare i ragazzi ad informarsi.
La storia è destinata agli adolescenti della scuola media e superiore, proprio la fascia d’età che inizia ad avvicinarsi a quel mondo. Il libro è corredato anche da quelle note tecniche che avevo studiato come volontaria, per consentire loro di informarsi al meglio.

Spero che la lettura del racconto, oltre che divertire, possa rappresentare uno spunto di riflessione e soprattutto di dialogo tra i ragazzi e gli adulti.

Ringrazio di cuore tutti coloro che leggeranno il libro.

Marta Grugnetti